Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
DTT: prova di forza delle tv locali impegna Agcom. Forse già entro fine settimana risposta a richiesta modifica PNAF

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

07/09/2010 15:45
 

A me questa "prova di forza" sembra tanto una messinscena...

Avete presente quando due fanno finta di litigare semplicemente per ufficializzare un accordo già preso? Ecco, a me sembra tanto questo il caso. E non ne andate immuni nemmeno voi che, chissà come mai, più si avvicinava il tavolo tecnico più intensificavate la pubblicazione di articoli che lasciavano presagire qualcosa del genere, già preparato a tavolino. Anzi, alle volte, leggendo i vostri articoli, avevo quasi l'impressione che sapeste più di quanto volevate far credere.... Mah.

sitcom

muahahahaha....sono tutti troppo divertenti...io ormai li seguo come una puntata di Will&Grace (ma l'ottusità dei reali non rende giustizia alla genialità dei finti) ....sono veramente una spassosa sit-com!!

Divertente siparietto....

Un divertente siparietto, inscenato ad arte....ma c'era da aspettarselo. Come si può immaginare che l'Agcom, dopo il PNAF architettato nel bel mezzo del cammin dello switch off, ammetta di aver sbagliato riformando quanto ipotizzato in tema di canali tv. E' ovvia e necessaria la presenza di un soggetto, o più soggetti, rappresentativi del malcontento generale degli editori che forzi la mano con un bel grimaldello e metta l'Autorità nelle condizioni di rivedere - in parte però - l'elenco dei canali disponibili per l'area tecnica 3. La troppa, ostentata, serenità dei soggetti presenti bastava da sola a far comprendere tutto questo. E' politica signori miei, non è televisione.

Divertente siparietto (2)

Concordo in pieno con quello che ha scritto "Ombromanto" e dirò di più: io ero presente al tavolo di ieri e mi ha messo molta tristezza vedere un ridicolo battibecco da osteria tra una "maggiore" associazione di categoria che contestava pubblicamente la presenza di una "minore" associazione, che si era rifiutata di giustificare l'intervento al tavolo fornendo le deleghe dei propri associati. Al di là del caso specifico (la "maggiore" associazione non aveva tutti i torni nel cercare di far chiarezza) ciò dimostra la presenza, alla base, di una cultura imprenditoriale e sindacale ancora da cortile che certamente non fa bene alla crescita del comparto....
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.