Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Protesta per la soppressione delle provvidenze editoriali a radio tv locali: FNSI risponde prontamente a CONNA. Insieme per risolvere la questione
Che sia la volta che il settore dell'emittenza locale si mostra unito in una situazione di assoluta emergenza, qual è quella della scellerata decisione del Governo Berlusconi di sopprimere le essenziali provvidenze per l'editoria a favore delle radio e tv locali.
L'associazione CONNA, la prima a dare l'allarme (mesi fa) a riguardo del disegno governativo punitivo nei confronti delle radio e tv locali (tanto che all'ente stanno in questi giorni pervenendo centinaia di attestazioni di stima da parte delle emittenti), ci ha fatto sapere che "in tempi rapidissimi il presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana ha risposto alla nostra comunicazione riservandosi di comunicarci l'ora in cui sarà tenuta l'Assemblea (probabilmente mercoledì prossimo) presso la sede nazionale di Corso Vittorio a Roma". "Roberto Natale conosce doppiamente i problemi della categoria, per la sua attuale veste di presidente e come professionista a lungo giornalista in RAI", precisa il CONNA. Intanto, Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del PDL, consapevole del l'immane disastro d'immagine che l'incomprensibile decisione del governo rischia di comportare per la già fragile maggioranza in un periodo delicatissimo, ha fatto sapere dai microfoni di CNR che "Radio e tv riavranno i loro fondi. E' un impegno del Governo". "Dobbiamo ripristinare i fondi che la Camera ha tagliato per rispondere ad altre esigenze dell'editoria. C'è la volontà politica di reintegrare questi fondi, non posso dire ora attraverso quale strada, ci stiamo pensando, ma l'importante è raggiungere questo risultato", ha assicurato Gasparri. Ma le emittenti locali non hanno affatto intenzione di confidare in promesse così vaghe e pertanto, se non si troverà una soluzione certa in pochi giorni, assicurano che dalla prossima settimana inizieranno a programmare migliaia e migliaia di spot di protesta. Perché, visto di cosa è stato capace questo esecutivo, fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio. (A.M. per NL)
26/02/2010 21:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.
L'associazione di radio e tv locali Conna ci ha reso lo stenografico dell'intervento effettuato il 19 novembre 2014 dal proprio rappresentante in IX Commissione Camera Trasporti Poste e Telecomunicazioni.
"All'importante successo della manifestazione conseguito mercoledì 24 settembre davanti alla sede nazionale dell'Agcom e del Mise, la nostra associazione ha unito tutta una serie di considerazioni che stante lo sbandamento dell'intera categoria negli ultimi dieci anni non era stato più possibile proporre".
La protesta organizzata dall'associazione di emittenti locali CONNA a Roma in data odierna è risultata "una manifestazione modello patrocinata dalle tre associazioni dei consumatori Adusbef, Codacons e Federconsumatori", ci fa sapere l'ente esponenziale.