Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Radio digitale. UK, Vaizey, dietrofront: FM (analogica) viva e vegeta anche dopo il 2015
Passo indietro del ministro della cultura inglese Ed Vaizey a riguardo dello switch-off della radio analogica nel 2015 (che, del resto, sarebbe stato in assoluta controtendenza col resto d'Europa, che vuole mantenere viva e vegeta la modulazione di frequenza analogica sine die).
Smentendo (in parte) le indiscrezioni del Financial Times - di cui abbiamo dato conto su queste pagine ieri - a riguardo di una possibile accelerazione del governo conservatore britannico per far migrare integralmente il medium radiofonico dall'analogico al digitale (addirittura prospettando il passaggio delle frequenze FM agli operatori tlc) entro il 2015, Vaizey ha comunque palesato un evidente passo indietro dell'esecutivo su una migrazione che, in effetti, non convinceva (anche e soprattutto in funzione del format tecnologico individuato). Certamente la radio inglese diverrà numerica - ha fatto sapere Vaizey - e il governo farà di tutto per incentivarla; ma il  processo sarà progressivo e non traumatico, attraverso la formula del simulcasting analogico-digitale (adottata praticamente in tutto il mondo), garantendo la sopravvivenza dell'FM analogica. E ciò anche e soprattutto in considerazione delle particolari esigenze delle radio locali e degli ascoltatori tecnologicamente meno evoluti, che da uno switch-off così ravvicinato sarebbero stati travolti. (A.M. per NL)
09/07/2010 06:40
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Il mercato pubblicitario del Regno Unito non ha subìto contraccolpi dall’effetto Brexit. Nel terzo trimestre del 2016, cioè nel periodo post-referendum, gli investimenti nell’advertising sono cresciuti del 4,3% (rispetto ai tre mesi precedenti) e per il 2017 è previsto un aumento attorno al 3,2%.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".